Sostegno a investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici

PSR SICILIA – sottomisura 5.1

Sostegno a investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici

La sottomisura 5.1 sostiene investimenti di miglioramento delle condizioni ambientali del territorio agricolo regionale, investimenti che contribuiscono alla mitigazione dei problemi legati al dissesto idrogeologico ed all’erosione dei suoli, con tutte le conseguenze che ne derivano in termini di mantenimento del potenziale produttivo agricolo, nonché di accessibilità e fruibilità del territorio e di
elevati costi di manutenzione e/o ripristino.
L’azione di prevenzione sostiene la realizzazione di investimenti aziendali e interaziendali per la gestione del rischio climatico (avversità abiotiche) con impianti di reti antigrandine e del rischio idrogeologico, mediante la realizzazione di opere di ingegneria naturalistica e/o canali di scolo prioritariamente in aree classificate a pericolosità geomorfologica e idraulica elevata/molto elevata.

reti antigrandine neve grandine gelo

I beneficiari delle sottomisura sono gli imprenditori agricoli singoli o loro associazioni, nonché gli Enti pubblici delegati a norma di legge in materia di bonifica.

INTERVENTI AMMISSIBILI
La sottomisura prevede il sostegno di interventi che potranno essere sia aziendali che interaziendali, realizzati da imprenditori agricoli singoli o loro associazioni, per investimenti in azioni di prevenzione per la gestione del rischio climatico, con impianti di reti antigrandine, e del rischio idrogeologico, mediante la realizzazione di opere di ingegneria naturalistica e/o realizzazione e riefficientamento di canali di scolo in aree classificate a pericolosità geomorfologica e idraulica elevata/molto elevata.
Il sostegno potrà interessare altresì le condizioni di rischio fitosanitario. Gli interventi sono essenzialmente mirati ad incrementare il livello di prevenzione della produzione di piante vive e di ortaggi, mediante l’acquisto e la messa in opera d’impianti con reti protettive antinsetto e l’adeguamento, per i soli vivai, di strutture serricole già esistenti.

INTENSITA’ DEL SOSTEGNO E MASSIMALI DI SPESA
L’intensità del sostegno, concesso sotto forma di contributo in conto capitale, nell’ambito della presente sottomisura è pari:
– 80% del costo dell’investimento ammissibile per interventi di prevenzione realizzati da singoli agricoltori e, in generale, per gli investimenti non riguardanti infrastrutture
– 100% del costo dell’investimento ammissibile solo per gli investimenti in infrastrutture per
interventi di prevenzione realizzati collettivamente da più beneficiari o da Enti pubblici a condizione
che vi sia un nesso con la produzione agricola.

Per gli interventi che hanno una finalità di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali, di origine abiotica, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici, la spesa minima ammissibile, è pari a euro 30.000,00 e la spesa massima ammissibile è pari a euro 150.000,00.

Per le avversità biotiche il sostegno è concesso sotto forma di contributo in conto capitale ed è pari all’ 80 % dei costi ammissibili, per interventi di prevenzione da attacchi di fitopatie. L’importo massimo concedibile è pari ad € 150.000,00 per beneficiario, mentre l’importo minimo ammissibile è pari ad € 10.000,00 per beneficiario.

QUANDO PRESENTARE LA DOMANDA?
Le domande possono essere presentate dal 24 gennaio al 9 maggio 2019


COME PRESENTARE LA DOMANDA E PREDISPORRE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE?

Per rispondere a questa domanda occorre telefonare in studio allo 0931/1840694 – 3385724393