Bando Agricoltura sociale

Bando Agricoltura sociale

Sostegno per la diversificazione delle attività riguardanti l’assistenza sanitaria, l’integrazione sociale, l’agricoltura sostenuta dalla comunità e l’educazione ambientale e alimentare

Aperto il Bando GAL ELORO per inclusione sociale di specifici gruppi svantaggiati e/o marginali.
Il bando promuove progetti di cooperazione volti ad avviare rapporti stabili di collaborazione intersettoriale tra agricoltori, enti pubblici, enti gestori del territorio ed altri soggetti privati finalizzati a sostenere la diversificazione delle attività agricole, in favore dello sviluppo sostenibile e della crescita economica, occupazionale, etica, sociale e turistica delle zone rurali, nonché a garantire una maggiore interazione tra i settori agricolo e forestale e il settore dell’istruzione e del terziario.

L’azione prevede la creazione di forme di cooperazione finalizzate a:
• valorizzare il capitale umano dei territori rurali, sostenendo e implementando reti rurali capaci di promuovere progetti innovativi con finalità sociali;
• sostenere l’agricoltura sociale e i servizi socio educativi ed assistenziali connessi, volti a sviluppare servizi rivolti alle comunità locali riguardanti l’assistenza sanitaria, l’integrazione sociale, l’inclusione sociale di fasce deboli e categorie svantaggiate, lo svolgimento di percorsi di inserimento socio-lavorativi, lo svolgimento di attività educativo- assistenziali o formative a favore di soggetti con fragilità sociale attraverso attività di “welfare rurale”, con lo scopo di valorizzare l’aspetto della multifunzionalità delle imprese agricole. I progetti di cooperazione dovranno garantire l’avviamento di servizi di utilità sociale, socio-sanitaria ed educativa dei soggetti deboli e/o svantaggiati, riguardanti l’integrazione e l’inclusione sociale anche attraverso lo svolgimento di attività di terapia assistita (pet-therapy, cultural therapy, agro terapia, arte terapia, ippoterapia, ecc.), e/o di re-inserimento sociale e lavorativo da realizzarsi presso le aziende agricole.
sostenere e sviluppare altri servizi essenziali per le popolazioni rurali, al fine di migliorare la vivibilità e la qualità della vita nelle zone rurali, favorendo la permanenza della popolazione delle stesse (ad esempio, attività di fruizione del territorio e delle risorse ambientali).

Il bando intende sostenere iniziative dirette a offrire servizi sociali e socio-assistenziali attraverso progetti di cooperazione per avviare rapporti stabili di collaborazione intersettoriale tra agricoltori, enti pubblici, enti gestori del territorio e altri soggetti privati. Si tratta di interventi atti a sostenere la diversificazione delle attività agricole, in favore dello sviluppo sostenibile e della crescita economica, occupazionale, etica e sociale delle zone rurali.
I progetti devono essere orientati a:

• valorizzare il capitale umano dei territori rurali, sostenendo e implementando reti rurali capaci di promuovere progetti innovativi con finalità sociali, ma anche ricreative, turistiche e ambientali;
• curare e riqualificare il verde e valorizzare gli spazi naturali delle zone rurali;
• promuovere il mantenimento e lo sviluppo sostenibile dell’agricoltura urbana e periurbana delle aree rurali;
• sostenere e sviluppare servizi essenziali per le popolazioni rurali, al fine di migliorare la vivibilità e la qualità della vita nelle zone rurali, favorendone la permanenza della popolazione.

Chi può partecipare al bando?

Gruppi di cooperazione (G.C.), poli e reti composti da agricoltori, imprese agroalimentari e forestali, psicologi, terapeuti, animatori sociali, liberi professionisti, Comuni, ASP, istituti scolastici, cooperative sociali, Onlus e altri gestori del territorio pubblici e privati aventi sede operativa all’interno di uno dei comuni del GAL.
Ad ogni forma di cooperazione devono partecipare almeno tre soggetti di cui almeno un’impresa agricola.
Per gruppo di cooperazione, si intende un raggruppamento tra operatori dei settori di cui sopra e altri soggetti che contribuiscono alla realizzazione degli obiettivi e delle priorità della politica di sviluppo rurale. Il gruppo di cooperazione potrà essere già esistente o ancora da costituirsi.

In quali aree è possibile realizzare gli interventi?

Gli interventi devono essere realizzati esclusivamente nel Comprensorio “Eloro” costituito dal territorio dei Comuni di Avola, Noto, Pachino, Portopalo di Capo Passero e Rosolini

Entro quando occorre presentare le domande?

Le domande vanno presentate entro e non oltre il 30/10/2021

Per maggiori informazioni e dettagli contattare lo studio al seguente numero: 338 5724393

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione ed i nostri servizi. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi